Cartoni animati

Alla ricerca di Dory - Recensione del film

Alla ricerca di Dory - Recensione del film Alla ricerca di Dory - Recensione del film

Alla ricerca di Dory - Recensione del film

Ebbene sì, dopo ben 12 anni dall’uscita di Alla ricerca di Nemo, a Settembre arriva nelle sale cinematografiche il suo sequel/spin-off: Alla ricerca di Dory, titolo originale Finding Dory, che questa volta vede come protagonista, appunto la simpatica e smemorata pesciolina azzurra di nome Dory. Questo film d’animazione della Disney Pixar è diretto da Andrew Stanton e co-diretto da Angus MacLane. A dare le voci originali ai simpatici e famigerati protagonisti sono: Ellen DeGeneres, Ty Burrell, Ed O’Neill, Kaitlin Olson, Albert Brooks, Diane Keaton e Eugene Levy.
In questa nuova spericolata avventura ritroviamo personaggi vecchi e nuovi. Il pesce chirurgo Dory è famosa già dal precedente film per una sua peculiarità: soffre di gravi perdite di memoria a breve termine. Però improvvisamente le riaffiorano dei ricordi di quando era piccola e così facendo si ricorda dei suoi genitori e anche da dove proviene. Così inizia una nuova avventura insieme a Marlin e Nemo per ritrovali e scoprire cosa successe nel suo passato. 

Urge fare una premessa, come accede per la stragrande maggioranza delle volte, è ovvio che questa nuova pellicola non arriva alla grandezza di Alla ricerca di Nemo (Finding Nemo) che uscì nel 2003 e che fu vincitore di un premio Oscar come miglior film d’animazione nel 2004. Ma ripeto, a mio parere questa è un’ovvietà, per il semplice motivo che in generale è difficile paragonare la prima pellicola ai suoi vari sequel, spin-off e prequel, basti pensare al fattore novità e stupore che si prova di fronte a qualcosa di innovativo, di nuovo e spettacolare. È la prima volta che si conoscono i vari personaggi, quelli che ti rimangono nel cuore. Poi mettiamoci anche il fatto che spesso i sequel vengono prodotti solo per gli incassi assicurati. Non è questo il caso però, Alla ricerca di Dory è un film che invece convince, vediamo perché. 

Questo film ha una cosa in comune con il precedente, il tema dell’integrazione delle persone diversamente abili, infatti Nemo è nato con una pinna atrofica mentre Dory ha il problema della perdita di memoria a breve termine che gli fa dimenticare cose successe anche poco prima. Insomma, dei temi molto delicati e sempre attuali che è bene trattare e far comprendere fin da subito ai più piccini e non solo. Ed è qui che voglio fare l’esempio di uno degli ultimi successi della Disney Pixar che più mi ha colpito, ovvero l’ormai famigerato Inside Out. In quest’ultimo vediamo, grazie al rapporto tra Gioia e Tristezza, come sia importante accettare il fatto che nella vita non esistono solo gioie, ma si può essere anche tristi e che crescendo si devono affrontare diverse emozioni che aiutano le persone ad affrontare la vita. Così, anche in Alla ricerca di Dory vediamo come viene affrontato un tema importante, quello delll’handicap, in maniera costruttiva proprio attraverso la coraggiosa Dory. Ma questo è un film che parla anche della famiglia, delle proprie origini.

Sono riusciti ad approfondire il già amato personaggio di Dory la cui memoria sarà anche uno svantaggio, però fa sì che lei abbia capacità di riprendersi. Hanno aggiunto nuovi personaggi davvero simpatici ed esilaranti come ad esempio le due balene litigiose Destiny e Bailey o l’irritabile polpo rosso Hank e ovviamente i genitori di Dory, Jenny e Charlie e altri ancora. Insomma un film valido dove l’animazione è straordinaria, la storia tratta temi importanti e i personaggi sono simpatici. È vero sì che Alla ricerca di Dory è un film d’animazione che farà fare tante risate agli spettatori, ma farà anche commuovere. Quello di Dory è un viaggio divertente ma anche di crescita emotiva.

con personaggi, doppiatori italiani, doppiatori originali, trailer clip e altro....



Video Cartoni animati

Trailer, episodi, clip, teaser, film completo, streaming: scopri i video

Cartoni animati